La partita tra Bursaspor e Fenerbahce, in Turchia, era stata organizzata per raccogliere fondi per la ricerca contro malattie infantili terribili come la leucemia, quando, le telecamere scovano sugli spalti un piccolo tifoso che…fuma. Come un turco, diremmo, se la battuta non fosse fuori luogo.
Fatto sta che le immagini, rimbalzate sui social, sono diventate virali con centinaia di migliaia di retweet tra l’indignato e il divertito. Inutile aggiungere che la stampa di tutto il mondo ci ha ricamato sopra.
Dimenticando che la partita tra Bursaspor e Fenerbahce, due tra le squadre turche col maggior seguito, avevano deciso di approfittare della pausa internazionale per organizzare una partita a scopo benefico: i proventi della gara sarebbero stati donati a organizzazioni che combattono contro malattie come la leucemia e fondazioni che supportano i bambini con sindrome di Down e autismo.
Tutto bellissimo, finché le telecamere non hanno inquadrato quel piccolo tifoso che fumava, beato e felice una sigaretta. Ma come? Un bambino che fuma così? Peccato che…

Peccato  che quello non era un bambino, ma un uomo di ben 36 anni, un tifoso del Bursaspor rimasto piccolo, ma soltanto di statura. E pure genitore: è il papà del bambino che gli siede accanto. E, magari, potrebbe avere un esempio più sano.

Visualizza questo post su Instagram

 

“Sigara içen çocuk” diye paylaşsigim arkadaşın 36 yaşında olduğu ortaya çıkdi #fenerbahce #YüreğiniKoyOrtaya

Un post condiviso da Yüreğini Koy Ortaya (@yureginikoyortaya) in data: