Sta facendo parlare il mondo il caso della donna di 45 anni che in Brasile ha dato alla luce due gemelli. Che c’è di strano? Che si tratta dei suoi nipoti, messi al mondo per realizzare il sogno del proprio figlio gay. Ma anche per sanare una ferita morale nell’anima della donna che quattro anni fa ha perso una bimba, durante la gravidanza e voleva un altro figlio.

La signora, Valdira Das Neves, una professoressa di Serrana, nello stato di San Paolo, martedì 3 settembre ha messo alla luce Noah e Maria Flor; i due neonati sono il frutto della fecondazione in vitro fatta da Valdira per realizzare il sogno di suo figlio ventiquattrenne, Marcelo das Neves Júnior, che è gay, di essere padre.

I bambini sono nati alle 20:50 all’ospedale di Ribeirão Preto, nello stato brasiliano di San Paolo, dopo un intero pomeriggio di travaglio.

Maria Flor è nata di 2.250 grammi e Noah 2.190 grammi. Il maschietto ha dovuto essere portato all’Unità di Terapia Intensiva Pediatrica. In un’intervista, Marcelo, il neo papà, ha detto che si aspetta che Noah lasci velocemente l’ICU. “Presto sarà con noi, grazie a Dio. Mia madre ha un bell’aspetto”.
Marcelo ha sempre voluto essere padre, ed è rimasto sorpreso quando sua madre ha accettato l’invito ad essere un “ventre solidale”, madre surrogata. La gravidanza è avvenuta per inseminazione artificiale con lo sperma di Marcelo e le uova di una giovane donatrice rimasta anonima.

La particolare vicenda di questa famiglia è iniziata quasi quattro anni fa, quando Valdira perse la piccola Helena, sorella di Marcelo, al settimo mese di gravidanza, nonostante un taglio cesareo d’emergenza per cercare di salvare la vita della bambina.

Volendo rimanere incinta di nuovo, Valdira ha cercato una clinica di riproduzione umana assistita per scoprire quali opzioni erano disponibili. Sentendo dal medico che la migliore possibilità per la madre di poter avere di nuovo un bambino sarebbe stata quella di usare lo sperma di un donatore anonimo, il figlio le ha proposto di aiutarlo a realizzare il suo sogno di essere un padre.

“Ho suggerito che dal momento che avrebbe dovuto usare il seme di una persona sconosciuta, avrebbe potuto essere la pancia di supporto per generare mio figlio”, ha spiegato il ragazzo a un sito brasiliano. Insieme a suo padre, Marcelo das Neves senior, la famiglia ha poi maturato e realizzato l’idea.

Dopo tre tentativi falliti, la quarta ha avuto fortuna. Valdira finalmente rimase incinta e oggi porta i nipoti nella pancia e celebra l’opportunità di generare non solo un bambino, ma due. “Quando siamo andati a fare l’ecografia, Junior ha già visto che erano in due e ha rovinato la sorpresa che il dottore voleva fare”, dice, elettrizzata. “Essere madre e nonna è indescrivibile, non ci sono parole per descrivere la sensazione di tutto ciò che sta accadendo”, ha concluso.