Due pinguini maschi dello zoo di Berlino, che formano una coppia gay, Skipper e Ping, diventeranno padri a settembre. Lo ha annunciato lo stesso bioparco della capitale tedesca con un video diffuso su youtube e sui canali social. I due animali, entrambi dell’età di dieci anni, potranno così soddisfare la loro grande voglia di paternità, o chiamatelo istinto se volete, che li aveva portati a covare una pietra, in mancanza di un uovo vero. Lo staff dello zoo ha recentemente presentato alla coppia un uovo di un’altra coppia e i due pinguini hanno iniziato a covarlo.
L’uovo proveniva da un paio di pinguini eterosessuali che negli ultimi anni “non andavano d’accordo al 100% e avevano spesso danneggiato le loro uova”, ha detto Norbert Zahmel, uno dei guardiani dello zoo. A quanto pare, questo era stato più fortunato ed era stato soltanto abbandonato. Se la cova avrà buon esito, sarà la prima nascita di un pinguino nello zoo di Berlino per più di venti anni. Non resta che incrociare le dita, allora, e fare il tifo per i due futuri papà e per il pulcino.
Le relazioni omosessuali tra i pinguini non sono rare e si vedono spesso negli zoo e in natura. Lo scorso ottobre, nell’acquario Sea Life di Sydney, in Australia, due pinguini maschi della specie Papua, Magic e Sphen, anche loro coppia omosessuale, covarono un uovo che si schiuse dando alla luce un pulcino nominato Sphengic, crasi tra i nomi dei due genitori. Prima di affidare loro un uovo vero, i due furono “messi alla prova” per verificare la loro affidabilità genitoriale, se, cioè, avrebbero portato fino in fondo la cova. Prova superata a pieni voti.


D’altronde, aveva detto Tish Hannan del Sea Life, non c’è differenza nel comportamento di maschi e femmine nell’allevamento dei piccoli. E, addirittura, nel precedente mese di settembre, nello zoo di Odense, in Danimarca, una coppia di pinguini maschi aveva “sequestrato” il pulcino di due pinguini eterosessuali per allevarlo come loro.