La solidarietà per Kande Boubacar scende in piazza a Palermo. Con un corteo organizzato dopo una settimana dall’aggressione al 20enne senegalese in via Cavour, la città si raduna per dire a gran voce che “Palermo non è razzista”.

Questo lo slogan dei manifestanti che questo pomeriggio si sono dati appuntamento alle 18 a piazza Verdi, davanti al Teatro Massimo.

“Palermo è una città che difende l’unica razza che esiste, la razza umana – commenta il sindaco Leoluca Orlando in prima fila al corteo -. Credo che Palermo stia dimostrando ancora una volta che vuole essere libera dalla paura del diverso. “Sono singoli episodi ma dobbiamo comunque contrastarli perché Palermo non è una città razzista”, spiega uno dei manifestanti.

Kande Boubacar non era presente alla manifestazione perché, ha fatto sapere: “Devo andare a lavorare” aggiungendo che gli “fa piacere la solidarietà” che ha ricevuto in questi giorni.

L’appello era stato lanciato sui social con un post diventato virale: “Da semplici cittadini, senza casacche di alcun partito ma ispirati da principi di rispetto universale, chiediamo la partecipazione attiva di tutti per farci sentire da chi intende strumentalizzare l’odio e alimenta divisioni. Vorremmo poter gridare forte tutti insieme: No al razzismo!”.

“Insieme – dicono ancora i promotori – manifesteremo il nostro sdegno e la nostra protesta contro episodi a sfondo razzista come quello che è avvenuto nella nostra città, nella notte tra sabato e domenica. Palermo è da sempre aperta e accogliente”.