Bocca cucita da parte di Paolo Arata davanti al gip. Si è avvalso della facoltà di non rispondere, davanti al giudice per le indagini preliminari di Roma, a cui l’interrogatorio era stato delegato, il faccendiere e consulente della Lega arrestato la scorsa settimana con le accuse di corruzione, intestazione fittizia e autoriciclaggio.

Insieme ad Arata sono stati arrestati il figlio Francesco e Vito Nicastri, imprenditore alcamese dell’eolico già in carcere per concorso in associazione mafiosa e il figlio Francesco. Anche per loro le accuse sono di corruzione, intestazione fittizia di beni e autoriciclaggio. Ai domiciliari nell’ambito della stessa inchiesta, coordinata dalla Dda di Palermo, è finito il funzionario regionale Alberto Tinnirello, che risponde di corruzione. Sia il figlio di Arata, che i Nicastri e Tinnirello si sono rifiutati di rispondere al gip.

A differenza di Paolo Arata i quattro sono stati interrogati dal giudice delle indagini preliminari del capoluogo siciliano, in quanto il loro arresto è avvenuto a Palermo. L’inchiesta ipotizza un giro di mazzette alla Regione siciliana per favorire gli affari che Arata e Nicastri gestivano nel settore delle energie rinnovabili. Secondo i Pm, l’imprenditore e il faccendiere sono soci di fatto. Una tranche dell’indagine, che ipotizza il pagamento di una tangente all’ex sottosegretario della lega Armando Siri, è stata trasmessa per competenza a Roma. Nei prossimi giorni i legali degli indagati decideranno se fare istanza di revoca delle misure al tribunale del riesame.

Nell’inchiesta sono indagati anche Salvatore Pampalone dirigente regionale della Commissione Valutazione Impatto Ambientale, il presidente della Commissione Alberto Fonte e Vincenzo Palizzolo, capo di Gabinetto dell’assessorato regionale al Territorio.