Il primo caso di Covid 19 da Coronavirus a Palermo ha fatto scattare controlli e sistemi di prevenzione in città. Le analisi della situazione hanno permesso di ricostruire in parte gli spostamenti della donna contagiata e attualmente ricoverata all’ospedale Cervello in isolamento in attesa delle contro analisi sui campioni che sono stati inviati allo Spallanzani di Roma per verificare il risultato positivo del tampone

Si tratta di una bergamasca di circa 40 anni che fa parte di un gruppo di una ventina di persone che è arrivato a Palermo dall’aeroporto di Bergamo Orio al Serio con un volo diretto atterrato venerdì. Il protocollo internazionale di sicurezza prevede che si facciano controlli su persone sedute nelle due file avanti e nelle due file dietro la persona contagiata.  Nonostante questo l’ASP di Palermo sta contattando tutti i passeggeri tramite i recapiti forniti dalla compagnia aerea per verificare tutti gli occupanti dell’aeromobile. La signora è stata posta in isolamento alle 14.30 di ieri prima già in albergo e in seguito è stato il nucleo NCBR, appena avuto conferma del primo tampone positivo, a trasportarla all’ospedale Cervello con trasporto a ‘pressione negativa’ ovvero con tutte le precauzioni e le protezioni del caso. In ospedale la donna è stata posta in ricovero in isolamento ed è stata avviata la terapia.

Anche l’autista del pullman che ha trasportato il gruppo ha contattato questa mattina il 118 dicendo di non avere alcun sintomo e di essersi posto in auto isolamento in attesa che personale sanitario vada a praticare un tampone per controllare la sua situazione.

Dall’ospedale Cervello si chiarisce che il percorso di accesso al reparto di malattie infettive è avvenuto tramite il 118 con personale protetto e tramite accesso posteriore riservato senza passare da altre strutture. Ha fatto tutti gli accertamenti in isolamento ed è mantenuta in isolamento. il caso è tutt’ora classificato come “sospetto caso”. Tutto il personale ha operato con tutte le precauzioni del caso.

La situazione è sotto controllo, assicurano le autorità. Una riunione d’urgenza è stata convocata in prefettura mentre nel primo pomeriggio il tavolo sanitario di crisi si riunirà nei locali dell’assessorato regionale per la salute per le ulteriori valutazioni e il punto della situazione anche alla luce delle strutture sanitarie disponibili. La Sicilia ha complessivamente 52 posti letto utili per l’isolamento di questi casi e di questi solo 9 sono a Palermo