Il personale delle direzioni marittime di Olbia e Palermo ha sequestrato oltre 4,5 tonnellate di prodotto ittico elevando sanzioni amministrative per 6.000 euro.

Sono scattati una serie controlli incrociati eseguiti attraverso sistemi di monitoraggio del traffico marittimo, in dotazione alle sale operative dei comandi regionali della Guardia Costiera di Olbia, Palermo, Cagliari e Livorno, i cui ispettori pesca hanno mantenuto sotto controllo per giorni i pescherecci impegnati nella pesca dei crostacei di profondità nel Tirreno.

I controlli sulla pesca dei crostacei, specie da tutelare come il gambero rosa mediterraneo, il gambero rosso mediterraneo, il gambero viola mediterraneo, per permetterne la ricostituzione e il rinnovo dell’ecosistema.

I controlli sono scattati nei confronti di un peschereccio nella zona del Mediterraneo Occidentale. Gli ispettori della guardia costiera hanno così proceduto al sequestro di circa 3 tonnellate di prodotto ittico (scampi, gambero rosso e gambero viola), elevando le relative sanzioni a carico delle tre unità ispezionate di Mazara del Vallo. I natanti sono stati attesi in porto a Mazara dai militari della Capitaneria di porto.

A bordo dei pescherecci sono stati trovati un’altra tonnellata e mezza di prodotto ittico non tracciato e non correttamente etichettato, posto pertanto sotto sequestro con elevazione della relativa sanzione allo stabilimento di destinazione.

Altri sequestri pochi giorni fa

Operazione di controllo pesca della guardia costiera nel fine settimana che ha effettuato controlli nel territorio palermitano per contrastare il commercio illegale di prodotto ittico. Le attività ispettive si sono concentrate su alcuni ambulanti abusivi e su una pescheria della città, ai quali è stata contestata la mancanza di tracciabilità dei prodotti esposti in vendita.

L’attività dei militari ha portato al sequestro di circa 120 chili di prodotti ittici e alla contestazione di 3 illeciti amministrativi per un totale di 4.500 euro. Il prodotto sequestrato è stato ispezionato dai medici veterinari dell’Asp di Palermo che ne hanno dichiarato una parte idonea al consumo umano, successivamente devoluta in beneficienza ad una casa famiglia del centro.

Partito il fermo biologico per il 2022

Intanto, lo scorso 21 marzo, è partito il fermo biologico della pesca per il 2022. L’annuncio è stato dato dal presidente della Regione Nello Musumeci nel corso della sua visita a Selinunte di qualche giorno fa. Nel piccolo borgo marinaro del Trapanese, il governatore siciliano era accompagnato dall’assessore regionale alla Pesca Toni Scilla.

A illustrare i dettagli provvedimento sul fermo biologico è stato l’assessore Scilla: “Dopo aver raccolto le istanze delle associazioni di categoria, del mondo sindacale e scientifico – spiega – ho firmato il decreto che consentirà alle imbarcazioni siciliane di effettuare il fermo biologico per il 2022. Un provvedimento snello e intelligente che va a sostegno delle imprese del settore in un momento particolarmente delicato, aggravato anche dall’innalzamento esagerato del prezzo del gasolio e che per la prima volta, di fatto, consente nell’immediato di effettuare i trenta giorni di fermo obbligatorio. Sarà infatti possibile arrestare le attività di pesca per un mese consecutivo nel periodo che va dal 21 marzo al 31 dicembre”.

Affrontata anche la questione del gambero rosa che è stato inserito tra i gamberi di profondità. “Ancora una volta – prosegue Scilla – il governo Musumeci si dimostra vicino con i fatti al settore della pesca, considerato vero patrimonio economico, sociale e culturale della nostra Isola”.

Covid19, aiuti economici per 20 milioni di euro

“Un’altra buona notizia – conclude l’assessore – riguarda l’intesa, votata in commissione Politiche agricole, che consente di ripetere a livello nazionale la misura Covid che prevede aiuti economici per complessivi 20 milioni di euro, così suddivisi: 15 milioni per le imprese della pesca marittima, 3,5 milioni per il settore dell’acquacoltura e 1,5 milioni per la pesca in acque interne. Con l’approvazione definitiva in Conferenza Stato-Regioni torno a sottolineare la sinergia con il Governo nazionale”.