Piccoli atti di Pace nel microcosmo promuovano la Pace anche nel macrocosmo. Ne sono convinti gli organizzatori di “Lo Yoga per la Pace”, il convegno nazionale che si terrà a Palermo, da venerdì 12 a domenica 14 aprile, con la partecipazione di studiosi di discipline orientali e tradizionali e docenti di varie formazioni provenienti da ogni parte d’Italia. La tre-giorni, promossa dall’associazione Metamorfosys, si terrà nello Spazio Tre Navate dei Cantieri Culturali alla Zisa, con l’unica eccezione della sessione di sabato mattina, in programma al Cinema De Seta, ed è dedicata non soltanto a quanti praticano Yoga, ma a tutti coloro che vogliono riflettere insieme e confrontarsi sul tema della Pace.

Saranno presenti diversi insegnanti di Yoga che condurranno i partecipanti in alcuni esperimenti per testare gli effetti positivi di questa pratica: In particolare, saranno effettuati un esperimento per il miglioramento della vista e un esperimento per il miglioramento della memoria. Al convegno sarà, inoltre, presente la scuola “Operatore del Benessere Metamorfosys”, che offrirà a tutti i partecipanti massaggi che, attraverso il tatto, promuovono l’incontro e la Pace. “La Pace – spiegano ancora i responsabili dell’Associazione Metamorfosys – nasce da pensieri amorevoli, da parole cordiali sussurrate alle orecchie di chi ci è vicino, da atti di generosità incondizionata”.

La tre-giorni avrà inizio venerdì 12 Aprile, alle 17,30 nello spazio Tre Navate dei Cantieri culturali alla Zisa. Dopo i saluti di Adham Darawsha, assessore alle Culture del Comune di Palermo e di Francesco Lo Cascio, portavoce della Consulta della Pace del Comune, è in programma la relazione introduttiva di Raffaella Bellen, psicologa, psicoterapeuta, laureata in Scienze Motorie e fondatrice di Metamorfosys. Seguiranno gli interventi di Giusto Picone, ordinario di Lingua e Letteratura latina Cristina Siddiolo, antropologa e della stessa Raffaella Bellen.

L’Associazione Metamorfosys nasce nel 2008 ad opera di Raffaella Bellen, psicologa, psicoterapeuta, referente regionale per la prevenzione alle tossicodipendenze nelle scuole, che ama unire i suoi interventi come psicoterapeuta alla pratica dello Yoga. È un’associazione che si occupa di promozione ed insegnamento di Yoga, con conferenze e corsi, e di formazione di istruttori di Yoga con la “Scuola Istruttori di Yoga Oriente-Occidente”, che vanta dieci sedi in tutta Italia.