“Perché in Sicilia si dice bye-bye allo spazzacorrotti e non alla corruzione? Sono un garantista e non mi sono mai piaciuti i professionisti delle manette, ma possibile che in Sicilia, nel silenzio generale, non si applicherà in queste elezioni amministrative la legge 3 del 2019? In Sicilia si “chiacchiera” di nuova questione morale, ci si divide su un dibattito da fare o meno in assemblea e nessuno si occupa di far applicare la legge pensata per arginare la corruzione”.

Lo dice il segretario del Pd Sicilia, Davide Faraone che prosegue: “Non voler applicare le norme della spazzacorrotti alle elezioni amministrative del prossimo 28 aprile va contro, soprattutto nella nostra regione, al buonsenso e all’esigenza che i cittadini avvertono sempre di più di avere una politica trasparente e che rafforzi gli anticorpi contro la corruzione, la mafia e l’illegalità. Ancor più grave è il silenzio che ha accompagnato questa scelta, soprattutto da parte di chi l’ha approvata a Roma. Ma dove sono finiti i cinque stelle, dov’è finita la Lega. Perché non hanno fatto le barricate affinché anche qui i partiti avessero l’obbligo di pubblicare curriculum vitae e certificati penali dei candidati alla amministrative?”.

Conclude Faraone: “Questa vicenda conferma ancora una volta che a prevalere sono le parole e non i fatti, gli spot e non le azioni concrete per debellare corruzione e mafia. E’ più semplice e più proficuo in termini di propaganda elencare in ogni competizione elettorale gli impresentabili invece di far rispettare le norme dello Stato. Noi però vogliamo sfidare i parolai e i manettari 2.0. E oltre a denunciare questo ennesimo scandalo siciliano, da domani chiederemo ai candidati delle nostre liste di inviarci curriculum e certificati penali che pubblicheremo sul web. Dimostreremo che su questi temi noi facciamo sul serio, altri chiacchierano”.

LEGGI ANCHE

“Per amore dell’Italia” la manifestazione del Pd contro il Governo, il segretario Faraone in prima linea