Il Comune di Palermo è digitale e da ieri è finalmente ufficiale. Il processo di innovazione finalizzato alla dematerializzazione dei servizi pubblici, già avviato nel 2017 con il Piano Triennale per l’Informatica nelle PA, è stato infatti il tema centrale dell’evento che ieri si è svolto mercoledì 30 ottobre 2019, ai Cantieri Culturali alla Zisa, spazio Cre.Zi. Plus, Via Paolo Gili 4, Palermo, dal titolo: “Servizi pubblici digitali per tutti (cosa cambia per i cittadini, dal Piano triennale per l’informatica, ai servizi online del Comune di Palermo).

Si tratta di un evento realizzato in collaborazione con la Società comunale per i Servizi informatici SISPI SpA, il Team per la Trasformazione Digitale, FPA – Forum PA e supportato da Open Fiber e Noovle. La giornata ha avuto scopo informativo-formativo sui servizi pubblici digitali ed è stata l’occasione per la presentazione e la divulgazione delle trasformazioni digitali già realizzate e quelle in corso di realizzazione nell’ambito dell’erogazione dei servizi pubblici rivolti ai cittadini da parte dell’Amministrazione Comunale di Palermo.

Diverse le presenze autorevoli degli attori coinvolti e la partecipazione attiva dei cittadini, durante l’evento, nel quale è stato illustrato il percorso di adesione del Comune di Palermo alle piattaforme nazionali abilitanti all’erogazione dei servizi pubblici come ANPR (e rilascio della Carta d’Identità Elettronica), PagoPA sistema dei pagamenti elettronici alla Pubblica Amministrazioni, SPID Sistema Pubblico di Identità Digitale, App IO punto di accesso unico nazionale ai servizi online della Pubblica Amministrazione e le 7 Piattaforme Tematiche del Programma Operativo Nazionale Città Metropolitane – PON METRO, dedicate all’erogazione dei servizi pubblici digitali, già attivati e da attivare presso il Comune, e a servizio dei Comuni dell’Area Metropolitana.

Una giornata ricca di innovazione che promuove il Comune capoluogo siciliano a pieni titoli.