Tutte annullate le 11 misure cautelari che, su richiesta della Procura di Palermo, il gup ha emesso a carico di imprenditori e mafiosi coinvolti in una inchiesta su un sospetto maxi-riciclaggio da 12 milioni di euro che boss di Salemi vicini a Matteo Messina Denaro avrebbero messo a segno per conto dei clan palermitani.

Tribunale del Riesame ha ridimensionato le decisioni del Gip

Il tribunale del Riesame, a cui gli indagati si sono rivolti, ha pesantemente ridimensionato la decisione del giudice per le indagini preliminari. Protagonisti principali dell’operazione Salvatore Angelo, imprenditore già condannato per aver gestito gli investimenti nelle energie rinnovabili dell’ex latitante, di Castelvetrano e il figlio Andrea.

Due le operazioni di riciclaggio ipotizzate dai carabinieri

Secondo gli inquirenti, per spostare i soldi dei clan mafiosi palermitani avrebbero sfruttato il circuito internazionale Swift, metodo usato per trasferire all’estero somme di denaro non rendendolo più tracciabile. Le operazioni di riciclaggio ipotizzate dai carabinieri erano due.

Soldi affidati dai mafiosi palermitani ai “cugini” di Salemi che, grazie a consulenti e intermediari capaci di padroneggiare lo swift, avrebbero portato avanti i loro disegni.

Ai due Angelo, per la Procura, si era rivolto il capomafia Michele Micalizzi che aveva bisogno di trasferire il denaro sporco della cosca. Mente finanziaria del piano sarebbe stato Giuseppe Burrafato che avrebbe potuto contare su imprenditori compiacenti (alcuni stranieri) e “ambigui personaggi del settore”, cosi’ li descrisse il gip.

Nel 2019 sarebbero stati trasferiti 12 milioni della mafia dal conto della Deutsch Bank a una filiale della Hsbc. Gli inquirenti hanno intercettato il file del report swift, una sorta di riepilogo degli elementi necessari per identificare gli estremi della transazione. L’organizzazione avrebbe anche cercato di acquisire, reinvestendo denaro sporco, 12 punti vendita della Coop Sicilia, (ma l’affare è poi sfumato) tentando invano di incontrare, per cercare il suo sostegno, il senatore di Italia Viva Davide Faraone; di riciclare lire fuori corso per conto della ‘ndrangheta e di ripulire il denaro di Calogero John Luppino, il re delle scommesse clandestine online, altro fedelissimo dell’ex latitante.