Tanto caos per nulla a Palermo dove il traffico è impazzito a causa dei numerosi cantieri disseminali in città e a causa dell’isola pedonale. Il paradosso però è che mentre attorno alla zona a traffico limitato regna il caos, pochissime sono le persone presenti all’interno della maxi area pedonale. Insomma, più auto che pedoni hanno caratterizzato il centro storico di Palermo in questi giorni.

Come si legge sul Giornale di Sicilia, mentre da 4 giorni è in vigore la grande area pedonale (e lo sarà fino al prossimo 6 gennaio), è andato in scena l’assurdo: nella zona del centro il traffico era paralizzato, mentre nell’area riservata ai pedoni c’era pochissima gente a piedi. Una situazione paradossale se si pensa che la maxi isola pedonale doveva favorire il rilancio del centro storico.

Ieri il traffico è andato in tilt nelle vie del perimetro della masi isola pedonale. La situazione più critica si è registrata in via Libertà dove le auto arrivavano sino alla Statua. Non è andata meglio nemmeno in via Dante e nelle altre vie vicine, In via XX Settembre una vera e propria bolgia di auto tra clacson impazziti e automobilisti rassegnati a stare ore chiusi in macchina. Di polizia municipale, inoltre, nemmeno l’ombra visto che i poliziotti presenti erano solo all’ingresso dell’isola pedonale.

Al momento l’isola pedonale è da ritenersi un flop. Troppi i cantieri che rendono difficile la vita degli automobilisti e troppo pochi i controlli. “Ecco il regalo dell’amministrazione comunale al commercio del centro cittadino nei giorni più importanti dell’anno – lamenta Patrizia Di Dio, presidente di Confcommercio -. Abbiamo cercato fino all’ultimo una mediazione affinché venisse almeno posticipata l’entrata in vigore dell’ordinanza di chiusura del centro alle auto a dopo Natale. Chiudere il centro a partire dal 27 non sarebbe stata certo un’offesa alla “visione” della città che questa amministrazione ritiene di portare avanti. Mi domando: a chi giova una giornata folle come quella che tutti i palermitani, non solo i commercianti, sono stati costretti a vivere tra ingorghi, inquinamento acustico e ambientale?”.

Critiche anche dal coordinatore cittadino di Diventerà bellissima Eduardo De Filippis. “Come volevasi dimostrare, la decisione di pedonalizzare via Ruggero Settimo, anche nei giorni lavorativi, si sta dimostrando scellerata. Un provvedimento che, di fatto, paralizza la viabilità in gran parte del centro, considerando pure la contemporanea presenza di cantieri. Per l’ennesima volta l’amministrazione Orlando, con in testa l’assessore alla Mobilità Giusto Catania, ha messo in campo una decisione insensata, senza riflettere sulle conseguenze negative che sono sotto gli occhi di tutti” De Filippis chiede all’assessore alla Mobilità di fare un passo indietro perché “la pedonalizzazione di via Ruggero Settimo anche nei feriali è insostenibile per la viabilità cittadina”.