Sono arrivate a Palermo, con un volo proveniente da Roma Fiumicino, le spoglie dell’assessore regionale ed archeologo Sebastiano Tusa, morto nel disastro aereo della Ethiopian Airlines dello scorso 10 marzo.

Al momento della morte, Sebastiano Tusa era diretto a Malindi, in Kenia, per una conferenza internazionale promossa dall’Unesco con la partecipazione di archeologi provenienti da tutto il mondo.

Le spoglie, consegnate alla famiglia, sono state portate a Palazzo d’Orleans – sede della Presidenza della Regione – dove è stata allestita la camera ardente.

Fino alle 21.30 si potrà rendere omaggio alla salma e portare l’ultimo saluto.

I funerali si svolgeranno domani mattina, alle ore 10, nella Chiesa di San Domenico. Dopo la funzione le spoglie verranno portate al cimitero dei Rotoli per essere cremate.

Infine l’urna verrà portata nella chiesa di San Domenico dove Tusa verrà sepolto accanto al giudice Giovanni Falcone.

“Il ritorno finalmente a casa delle spoglie di Sebastiano Tusa costituisce una consolazione spirituale per quanti lo hanno conosciuto e gli hanno voluto bene e per me, in particolare, che l’ho chiamato al ruolo di governo, condividendone ansie e speranze. Il Palazzo della Regione lo accoglie con un sentimento di gratitudine e di sincera commozione. Almeno avremo una tomba sulla quale deporre un fiore. Riposi in pace!” ha detto il governatore della Sicilia Nello Musumeci, all’apertura, a Palazzo d’Orleans, della camera ardente.