La Polizia di Stato ha arrestato Michele Sammaritano, 59 anni palermitano, accusato di tentata rapina.

I poliziotti dell’Ufficio Prevenzione Generale e Soccorso Pubblico , ieri mattina, durante il consueto servizio di controllo del territorio, su indicazione della Sala Operativa si sono recati in un condominio in via Cartagine ove era stata segnalata una persona vittima di rapina intenta a bloccare per le scale l’autore del reato.

Il tempestivo intervento degli operatori di polizia, giunti prontamente sul posto segnalato, ha permesso di bloccare il malvivente mentre cercava di raggiungere l’uscita del palazzo e darsi alla fuga.

I poliziotti hanno contattato la vittima, la quale ha raccontato che poco prima, aveva sentito dei rumori provenire dall’ingresso della sua abitazione e nel controllare cosa stesse accadendo, aveva sorpreso un individuo nel suo appartamento.

Il malvivente, una volta scoperto ha tentato la fuga ma è stato raggiunto dal proprietario della casa “attenzionata” che ha cercato di bloccarlo. Dopo una colluttazione durante la quale il malvivente tentava di colpire la vittima, riusciva a divincolarsi.

Decisivo è stato l’intervento degli agenti della Polizia di Stato che lo hanno definitivamente bloccato ed identificato per Michele Sammaritano.

Nel corso del sopralluogo i poliziotti hanno trovato nelle scale delle vecchie schede telefoniche, presumibilmente utilizzate per aprire la porta dell’appartamento, infatti una di queste appariva leggermente ripiegata e con evidenti rigature, segni evidenti di sfregamento dovuto all’apertura fraudolenta della porta.

Le schede rinvenute sono state poste sotto sequestro, mentre Sammaritano è stato arrestato perché colto nella flagranza del reato di tentata rapina impropria aggravata. Indagini sono in corso per l’individuazioni di eventuali complici.

La Polizia di Stato in questo periodo di ferie estive, ed il conseguente svuotamento della città da parte dei palermitani che decidono di allontanarsi per le tanto attese vacanze, ha intensificando i controlli mettendo a disposizione dei cittadini un maggior numero di uomini e mezzi a tutela della collettività al fine di prevenire e contrastare tra gli altri, i reati predatori che sono soliti aumentare proprio in questo periodo.