L’ondata di maltempo ha provocato le prime vittime. I soccorritori sono arrivati in una villa a Casteldaccia in contrada Cavallaro e hanno trovato nove morti:  ci sono uomini donne e due bambini travolti dall’esondazione del fiume. Ecco chi erano le vittime

La casa è stata sommersa dall’acqua. Una tragedia:  si tratta delle prime vittima di questi giorni di paura provocate dalla pioggia che incessantemente è caduta con violenza su Palermo e su mezza Sicilia.

AGGIORNAMENTO: Leggi qui!

Sono morti due bambini di uno e due anni, un ragazzino di 15 anni. Si è salvato solo il capofamiglia – si chiama Giuseppe Giordano –  di uno di due nuclei familiari che si erano riuniti in casa.

Si sono salvati un uomo e una ragazzina che erano andati a comprare i dolci e un uomo che si è arrampicato sull’albero che ha lanciato l’allarme.

In quella villetta sono morti Antonio Giordano , 65 anni, e la moglie Matilde Comito, 57 anni. I loro figli Marco, 32 anni e Monia, 40 anni. Monia è sposata con Luca Rughoo i due hanno due figli: Francesco, 3 anni, morto anche lui, e Manuela 13 anni, sopravvissuta perchè era col padre e la cugina Asia a comprare dei dolci quando si è scatenata la bomba d’acqua del fiume Milicia. Nella strage è morta anche Nunzia Flamia, 65 anni, madre di Luca.

Sono morti anche Stefania Catanzaro, 32 anni, moglie di Giuseppe Giordano (figlio di Antonio e Matilde) che è sopravvissuto perchè scaraventato su un albero dalla violenza dell’inondazione, e i loro figli Rachele, di un anno e Federico di 15. E’ sopravvissuta perchè era con lo zio l’altra figlia Asia di 12 anni.

Altri tre dispersi: un medico a Corleone e due uomini a Vicari che vengono ricercati dagli uomini dei vigili del fuoco, dai carabinieri e dai volontari della protezione civile.

I due di Vicari erano a bordo di una Jeep ed erano usciti per recuperare un giovane.  L’auto è rimasta travolta dalle acque del fiume san Leonardo che è straripato in più punti.

Le persone, di cui uno titolare del distributore di carburante del posto, erano andati a recuperare un terzo giovane che si trovava isolato presso lo stesso distributore e che si è salvato al rientro lanciandosi dal veicolo.

AGGIORNAMENTO: Leggi qui!

Altri 2 morti nell’agrigentino, sono 12 i morti adesso: Leggi qui!