Oltre ai tre bambini che avrebbero subito maltrattamenti da parte delle maestre di una scuola di Partinico (Pa), i genitori di altri tre hanno chiesto e ottenuto di essere parte civile nel processo a Vita Fuoco, Francesca Orlando e Giuseppa Mattina che hanno scelto il rito abbreviato.

Il gup Fabrizio Anfuso ha accolto la richiesta perché anche altri alunni, pur non subendo fisicamente i maltrattamenti, avrebbero comunque vissuto quel contesto.

Dall’indagine, condotta dl pm Ilaria De Somma, sono emerse minacce, parolacce, insulti, schiaffi e pizzichi.

L’inchiesta è nata dalla denuncia dei genitori di una delle alunne che, turbati dai racconti della figlia, hanno deciso di rivolgersi alle Fiamme Gialle.

La bambina, tornando da scuola, riferiva alla famiglia le scene violente a cui aveva assistito durante le lezioni. Maltrattato anche un bimbo disabile.

“Ti faccio piangere”, “nelle mani te li do”, urlavano alle loro vittime non sapendo di essere riprese dalle telecamere piazzate dalla Finanza dopo la denuncia dei due genitori.

E le immagini riprese non fanno che confermare i racconti fatti dalla bimba ai genitori. La requisitoria è prevista per il 21 febbraio.