Un giovane è stato portato questa mattina al pronto soccorso dell’ospedale Civico di Palermo massacrato di botte.

Il giovane in gravi condizioni è da questa mattina piantonato al pronto soccorso da tre carabinieri e sarebbe coinvolto nella sparatoria avvenuta ieri ai Danisinni a Palermo.

E’ il figlio del proprietario della Ford Fiesta abbandonata in via Regina Bianca e cugino della giovane Debora Namio, 22 anni, rimasta ferita al ginocchio non con un colpo di pistola ma con un oggetto contundente.

Nella sparatoria sono rimasti coinvolti anche Giuseppe Giordano 57 anni e il figlio Gianluca Giordano, 26 anni rimasto ferito ad una mano e ad una gamba. Le indagini per cercare di ricostruire quanto successo sono condotte dai carabinieri.