Al fine di garantire la salute pubblica, l’igienicità degli alimenti somministrati agli avventori ed il riposo notturno dei residenti, il comandante della polizia municipale Gabriele Marchese ha predisposto dei controlli notturni nei locali dediti alla somministrazione di alimenti e bevande. Gli agenti del Caep il nucleo controllo attività produttive hanno effettuato dei sopralluoghi in via Quintino Sella, via Isidoro La Lumia e piazza Giulio Cesare, conclusi con due denunce per disturbo della quiete pubblica, il sequestro di una attività abusiva di vendita, oltre alle sanzioni per un importo superiore a 20.000 euro.

Il titolare di un pub di via Quintino Sella è stato denunciato all’autorità giudiziaria per disturbo della quiete pubblica causato dalla diffusione di musica ad alto volume all’esterno del locale; di conseguenza sono state sequestrate le apparecchiature musicali.

Inoltre, non esibiva la relazione fonometrica e le necessarie autorizzazioni sanitarie. Nel locale non venivano esposte le tabelle alcolemiche e mancava l’apparecchio alcol test a disposizione degli avventori. In merito alla sicurezza alimentare, mancava il piano di autocontrollo igienico sanitario da eseguire secondo la procedura Haccp ed il barman non aveva titolo per esercitare la mescita perché privo del previsto attestato Haccp di categoria alimentarista.

In via Isidoro La Lumia, gli agenti hanno riscontrato identiche circostanze: musica ad alto volume percettibile all’esterno del locale. Una parte del locale era attrezzata con tavoli e sedie per la somministrazione di alimenti e bevande; alla verifica della documentazione è risultata sprovvista di autorizzazione sanitaria. Sono inoltre state accertate alcune difformità rispetto alla relazione fonometrica, in quanto la diffusione musicale era gestita da un DJ con una console non menzionata nella stessa. Il titolare è stato denunciato per disturbo della quiete pubblica e le apparecchiature musicali sono state sequestrate.

Infine, una sala giochi che vendeva all’interno prodotti alimentari abusivamente è stata sequestrata perché priva di autorizzazione per esercizio di vicinato, della prescritta certificazione sanitaria e della tabella degli orari di apertura e chiusura. Pertanto si è proceduto all’immediata interruzione dell’attività.

A conclusione dei controlli è stata accertata la chiusura delle attività sottoposte a sequestro nelle precedenti verifiche: Cortile Delle Bisacce, via Giuseppe Piazzi, via Delle Pergole, via Ponticello, via Ballarò.