Il Palermo deve sciogliere il “nodo allenatore” e verrà fatto nel giro di tre giorni. In lotta sono rimasti due profili opposti con esperienze opposte come Bucaro e Lucarelli, con Di Gaetano più defilato. Sagramola, scrive l’edizione odierna de “Il Giornale di Sicilia”, potrebbe scegliere in attesa di annunciare il Ds per il quale Laneri sembra aver guadagnato qualche posizione.

Bucaro rispetto a Lucarelli ha più esperienza e conosce il campionato di Serie D, avendolo disputato e vinto, come fatto con l’Avellino che, da subentrato, ha centrato 15 vittoria di fila e ha portato i “lupi” in Serie C, ha anche vinto lo scudetto di categoria e in più allenerebbe nella sua città per la quale non ha mai né giocato né allenato.

Lucarelli, invece, mettere “piede” per la prima volta nel campionato di Serie D. Lo scorso anno ha esordito in Serie B col Livorno e vorrebbe rimanere su quei livelli, però potrebbe anche accettare i rosanero: “Sarebbe bello, non lo nego. Ho avuto diversi contatti da altre società, ma per vari motivi sono state fatte altre scelte, sia da me che dai club che mi hanno cercato. Chiaramente la piazza di Palermo non è una di quelle per cui si possa guardare alla categoria, ma bisogna vedere le potenzialità e la progettualità della società”. Apertura importante che rimane però soggetta a quello che sarà il piano dei rosanero, alla ricerca del profilo che possa coniugare al meglio la forte voglia di rinascita espressa sin dal primo giorno.

Quindi due fronti opposti. La scelta definitiva verrà presa nei prossimi giorni, ma certamente nel minor tempo possibile. Il Palermo l’1 settembre vedrà iniziare il campionato e dovrà lavorare a capofitto per farsi trovare pronto. Per il ruolo di Ds Castagnini potrebbe rifiutare e a quel punto, senza alcun dubbio, la scelta ricadrebbe su Laneri, anche lui conoscitore del campionato di Serie D.