Da lunedì i lavoratori della mensa Fincantieri, licenziati dall’azienda vincitrice dell’appalto, in violazione delle leggi e delle regole contrattuali del cambio d’appalti, manifesteranno in presidio davanti alla Prefettura di Palermo.

“Fincantieri continua a non presentarsi ai tavoli istituzionali. Fatto gravissimo, in quanto si tratta dell’azienda appaltante. Non si è presentata nemmeno ieri all’ufficio provinciale del lavoro mentre ha mandato una nota, indirizzata al prefetto di Palermo e all’Upl, riferendo che fornirà la documentazione sulla gara d’appalto per la mensa solo alla magistratura, quando gli verrà chiesto.

“Ci aspettiamo, come dichiarato dalla Prefettura, che si trovi la soluzione per vincolare le aziende al rispetto delle regole dei contratti collettivi nazionali di lavoro – dichiarano i rappresentanti di Filcams Cgil Palermo e Fiom Cgil Palermo Laura di Martino e Francesco Foti – Ieri nell’incontro all’Ufficio provinciale lavoro è emerso che l’azienda Cot Ristorazione ha lavoratori in esubero presso il suo stabilimento di Brancaccio. Lavoratori che ha utilizzato per la mensa aziendale del Cantiere Navale, mettendo in strada i 12 lavoratori storici. Come organizzazioni sindacali inoltre abbiamo chiesto alla Cot di riattivare le procedure di cig per proseguire con la cassa integrazione già attivata da Euroristorazione, in attesa della nuova gara di luglio. E di inserire al lavoro a rotazione i lavoratori in cassa integrazione. Anche su questa strada, perfettamente percorribile, la Cot non ha mostrato nessuna apertura”.