Armati di pistola hanno sorpreso il titolare e il socio di un punto Snai nel quartiere Zisa a Palermo. I due stavano portando via l’incasso quando due giovani a volto coperto li hanno bloccati davanti al centro scommesse in via Silvio Pellico.

Titolare e socio hanno consegnato il borsello con i soldi circa 12 mila euro. Le indagini sono condotte dalla polizia di Stato che ha sentito le due vittime e hanno acquisito le immagini del sistema di video sorveglianza.

Altro rapinatore in azione in via La Masa

Un altro rapinatore è entrato in azione in via La Masa. Un giovane ha strappato di mano 300 euro che un anziano aveva da poco prelevato dal bancomat. Anche in questo caso indaga la polizia.

Assalto all’ufficio postale di via Nicastro

Una nuova rapina in un ufficio postale. Qualche giorno fa – ma la notizia si è appresa solo ieri – nel mirino è finita l’agenzia di via Calogero Nicastro, a due passi dall’ospedale Civico, dove è entrato in azione un bandito solitario. L’uomo, con modi decisi, ha minacciato i tre cassieri e li ha costretti a consegnare il danaro.

Arraffato il bottino, circa mille euro, il malvivente ha guadagnato l’uscita, è salito a bordo di un’auto e si è dato alla fuga. Non è chiaro se a bordo del mezzo ci fosse un complice.
Sul caso sono al lavoro gli investigatori della polizia. Nell’ufficio di via Nicastro, le forze dell’ordine hanno compiuto un approfondito sopralluogo per andare alla ricerca di tracce e impronte
utili a risalire all’autore del colpo. Sono state acquisite anche le immagini del sistema di videosorveglianza dove sono impresse le fasi del raid. Documenti utili per tentare di dare impulso alle indagini.

Le Poste sono bersagli presi di mira regolarmente dai rapinatori anche se da alcuni anni a questa parte, grazie ai sistemi di sicurezza e ai cassetti blindati, i bottini possibili sono davvero esigui. Il più delle volte i malviventi riescono a racimolare poche centinaia di euro.

Gli uffici vengono considerati come una sorta di bancomat in cui mettere a segno rapine mordi e fuggi. Poco prima di Natale, era stata presa di mira l’agenzia di via La Masa, una traversa di via Mariano Stabile. Uno dei dipendenti della succursale, tra l’altro, era stato minacciato e strattonato da un malvivente. Tra i bersagli facili per i rapinatori ci sono anche le farmacie. Il giorno di Natale un rapinatore armato di tagliabalsa aveva prima tentato di assaltare la farmacia di via Cavour, poi aveva preso di mira quella di via Mariano Stabile, portando via 500 euro.