La polizia di Stato ha eseguito un provvedimento di custodia cautelare in carcere nei confronti di Salvatore di Stefano, 20 anni, accusato di rapina. Le indagini della squadra mobile e degli agenti del commissariato Zisa hanno permesso di individuare il complice di una tentata rapina ai danni di un supermercato in via Paolo Veronesi a Palermo il 23 maggio del 2019.

Uno dei due rapinatori minorenne è stato arrestato in flagranza. Nonostante il giovane avesse puntato la pistola contro un cassiere i dipendenti hanno reagito mettendo in fuga i due giovani.

Gli agenti avevano estrapolato le immagini del fallito colpo, notando dalla visione delle telecamere di video sorveglianza particolari “inconfondibili” dell’abbigliamento indossato da entrambi i malviventi e del modello di pistola, poi rivelatasi giocattolo, ma utilizzata priva di tappo rosso per tentare di compiere la rapina.

Questi utilissimi elementi erano stati quindi condivisi con i colleghi della polizia giudiziaria impegnati per strada che, immediatamente, avevano cominciato a battere i vicoli della Zisa, riuscendo ad individuare lo stesso scooter nero di grossa cilindrata utilizzato poco prima per la fuga, con a bordo due giovani, fortemente somiglianti alle descrizioni diramate.

Il ragazzo i 17 anni e di corporatura robusta, come quello che si vedeva nelle immagini armato di pistola e che aveva minacciato i dipendenti del supermercato, è stato sottoposto a controllo e perquisizione; in effetti, dentro al borsello  gli agenti della Mobile hanno trovato proprio la pistola a salve tipo Beretta usata durante l’assalto.

Le indagini sono proseguite e i poliziotto sono riusciti ad identificare Di Stefano.

A Di Stefano, soprannominato Congo, nella stessa ordinanza è stato contestata un’altra rapina.

Il 12 febbraio, secondo le indagini, sarebbe stato l’autore di una rapina ad una farmacia insieme ad altri due complici si fecero consegnare 300 euro.

In quel caso il giovane lascio un impronta sul bancone dell’esercizio commerciale. Impronta ritrovata dagli uomini della polizia scientifica.