Il progetto degli stagisti laureati in ingegneria, economia e commercio, giurisprudenza, architettura e geologia da inserire negli uffici della Regione continua e oggi ci sarà un passaggio importante ad Enna tra il governo regionale e l’università”. A dirlo il presidente della Regione Nello Musumeci.

Il nostro obiettivo è di 400 stagisti, poi per problemi di bilancio inizieremo alcune decine – aggiunge il presidente – Circa una novantina di laureati. Oggi l’assessore alla Pubblica Istruzione Roberto Lagalla è a Enna per avviare la convenzione con i quattro rettori degli atenei siciliani. Gli stage saranno retribuiti”. Su quanto costerà ogni stagista il presidente non si sbilancia. “Sarà uno dei temi che affronterà oggi l’assessore Lagalla con i rettori”.

“Stiamo lavorando all’assestamento e a breve porteremo in aula il bilancio per farlo approvare entro dicembre. E’ uno sforzo notevole e abbiamo anche il problema di certificare 700 milioni di fondi Ue entro l’anno. Ne abbiamo certificato 6. Per fare in tempo stiamo cercando personale qualificato per aiutare i dipartimenti. Siamo in contatto con il Formez e speriamo di far entrare negli uffici anche giovani laureati per degli stage”. Lo ha detto il presidente della Regione Nello Musumeci. “Oggi pomeriggio in aula daremo le comunicazioni su Riscossione Sicilia e soprattutto sul piano Rifiuti”, ha aggiunto il presidente.