Gli operai della Blutec stanno effettuando un presidio davanti ai cancelli della fabbrica a Termini Imerese.

La protesta è scattata alle 9, con due ore di sciopero, perché l’azienda non da’ risposte alle richieste sindacali sui ritardi nel pagamento dello stipendio di dicembre e sullo sblocco di welfare aziendale, Cometa e Metasalute.

“E’ la prima risposta al silenzio di Blutec, se la situazione non cambia le iniziative di lotta andranno avanti”, dice il segretario della Fiom siciliana, Roberto Mastrosimone.

AGGIORNAMENTO DELLE 13.38

Sono rientrati in fabbrica dopo le due ore di sciopero gli operai della Blutec di Termini Imerese che oltre a rivendicare lo stipendio di dicembre non pagato ancora (l’impegno era entro il 15 gennaio), lo sblocco di Cometa, Metasalute e del welfare aziendale (150 euro) chiedono all’azienda di corrispondere la mensilità del maggio 2017 mai versata. Un “mese morto” oggetto di una contesa: l’azienda tempo fa ha modificato le date dei pagamenti degli stipendi di 15 giorni, in questo modo dal computo, secondo i sindacati, è venuto meno il mese di maggio, periodo in cui gli operai erano regolarmente nel proprio posto di lavoro.

Nel pomeriggio, si apprende da fonti sindacali, Blutec ha pagato agli operai di Termini Imerese gli stipendi di dicembre: era uno dei punti al centro delle due ore di sciopero di stamani effettuato dai lavoratori con un presidio davanti ai cancelli della fabbrica.