Un paese a lutto. Una famiglia distrutta per una tragedia consumata in una frazione di secondo. Salvatore Pistone stava lavorando ad un Tir quando una parte meccanica della ruota è schizzata come una molla e lo ha colpito al volto.

Per il giovane di 24 anni non c’è stato nulla fare. E’ morto sul colpo. Il pezzo di metallo lo ha raggiunto al volto e sono stati vani i tentativi di rianimarlo prima degli altri operai poi dei medici del 118.

Hanno solo potuto constatare la morte. Per il paese e i tanti amici un colpo terribile. Riposa in pace, scrivono quanto lo conoscevano.

“Eri un bravo ragazzo – scrive Rosy – La vita è troppo crudele”. “Troppi giovani muoiono – scrive Rosa – Ma cosa sta succedendo. Troppo triste questo giorno”.

Salvatore Pistone amava il suo lavoro e lo faceva con passione. I carabinieri adesso stanno verificando cosa sia successo nella azienda Carini Service che ripara i grossi mezzi. Il titolare e gli operai sono stati sentiti e hanno ricostruito gli ultimi minuti della vita del giovane operaio.

Non si sa come mai quel pezzo di metallo sia volato sul volto. Un guasto meccanico? Una manovra errata? Lo stabiliranno i militari che hanno iniziato lunghe indagini e perizie sull’incidente.

Intanto Carini piange l’ennesima morte bianca. Un altro giovane che amava la vita e che è morto lasciando tanta disperazione in quanti lo conoscevano e nella famiglia che non riuscirà più a rassegnarsi.