Giovanissimi musicisti d’età compresa tra i cinque e i quattordici anni apriranno “Extasis”, la rassegna che prevede un mese di mostre e concerti dedicati ai suoni, alle parole e alle immagini del Sacro in alcuni dei più suggestivi spazi liturgici di Palermo. Il concerto inaugurale si svolgerà sabato 7 dicembre alle 12, nella Chiesa di Santa Caterina, uno dei luoghi religiosi più suggestivi di Palermo.

Si tratta della formazione composta dai bambini dell’orchestra e del coro “Quattrocanti”, diretti da Pietro Marchese e dalla maestra Valentina Casesa.

I piccoli, delle diverse etnie presenti nel centro storico, seguono un percorso che pone al centro la musica come strumento formativo e di recupero per l’infanzia a rischio. Nata da un progetto dell’Associazione “Talità Kum”, in collaborazione con la Parrocchia San Mamiliano di Palermo, l’Orchestra “Quattrocanti” adotta il sistema educativo del maestro Antonio Jose Abreu, scomparso recentemente, che attraverso la musica ha strappato i giovani alle bande criminali in Venezuela, li ha riscattati da una situazione di miseria materiale e spirituale, dando loro la forza di lottare per il proprio futuro e per quello delle persone vicine.

Il proposito è stato quello di trasferire “El Sistema” dalle favelas al centro storico di Palermo. Attraverso il metodo Abreu, si potenziano sensibilità artistiche e metodologie di integrazione sociale tra i minori di varie etnie, si apprendono nuove regole di relazioni e di ascolto, valorizzando abilità e talenti naturali.

La musica può cambiare il mondo, è proprio il caso di dirlo, con la musica si possono condividere mondi e spazi che fondono le diversità e annullano le distanze.