L’idea nasce all’interno della circoscrizione che è teatro della ztl. Una richiesta ad alcuni cittadini ed una delibera della circoscrizione adesso chiedono al comune di ampliare gli orari della zona a traffico limitato in modo tale, praticamente, da chiudere una porzione di città a chiunque non sia residente o dotato di pass a pagamento.

Di fattogli orari scelti sembrano essere stati determinati per tenere fuori la movida dal centro o almeno la movida motorizzata che non abbia  un’auto nuova o non possa pagarsi un pass. Il centro sarà solo per chi ‘sta bene’.

“Approvazione delibera: un successo frutto del lavoro di un anno” per Brancato e Venturella , consiglieri prima circoscrizione (Sinistra Comune). “L’approvazione di questa delibera, con cui l’orario della Ztl si protrae dalle ore 20.00 alle ore 04.00 nei giorni di venerdì e sabato – dicono Brancato e Venturella – è un importante risultato, frutto dell’ attento lavoro di quasi un anno sul territorio. Abbiamo formalizzato la proposta, infatti, dopo numerosi incontri cittadini, formali e non, che il consiglio di Prima Circoscrizione ha da subito lanciato come metodo di lavoro, organizzando consigli di strada, comitati dei vari quartieri, assemblee spontanee.

Vivibilità e qualità della vita per i residenti del Centro storico sono perfettamente coniugabili con le esigenze di un territorio che propone sempre migliori offerte ricreative serali e notturne. Siamo certi, infatti, che la modifica del regolamento, insieme all’ottimizzazione della mobilità notturna, sia una risposta concreta alle esigenze manifestate da tutti, esercenti e residenti del Centro storico”.

Se l’amministrazione adotterà questa scelta si andrà verso due Palermo, una chiusa in se stessa e un’altra al di fuori della ztl