Controlli antidroga a Pozzallo, nelle zone turistiche e balneari della provincia di Ragusa e al Porto hanno portato all’arresto, in tre distinte operazioni, di tre persone e al sequestro di marijuana e hashish.

L’attenzione dei finanzieri è stata puntata anche vicino ad alcuni centri di aggregazione giovanile, dove in passato si è assistito a maggiori episodi di spaccio e microcriminalità. Al Porto di Pozzallo dopo il recente innalzamento del livello di sicurezza, sono stati intensificati i controlli antiterrorismo nella zona di imbarco e di sbarco del catamarano per Malta.

I finanzieri delle Compagnie di Ragusa e di Vittoria, hanno sequestrato un chilo di marjuana, nascosta all’interno di un borsone di un quarantasettenne vittoriese che, alla vista dei militari, ha tentato la fuga, ma è stato bloccato.

Al Porto di Pozzallo, sono stati controllati 20 passeggeri che stavano per imbarcarsi sul catamarano per Malta. Una ragazza di nazionalità colombiana, 22 anni è stata fermata ed arrestata. Aveva quattro chili di marijuana, suddivisi in 7 involucri e 104 grammi di hashish nello zaino.

A Vittoria in pieno centro un cittadino algerino, di 36 anni è stato arrestato in flagranza per spaccio dello stupefacente. In casa nascondeva 22 grammi di hashish, suddiviso in stecchette pronte per essere cedute.

Ad agosto erano state concluse altre due rilevanti attività antidroga al Porto di Pozzallo in cui sono stati prima sequestrati 36 chili di “Khat” (meglio conosciuta come “la droga dei poveri”) e successivamente 10 chili di marijuana.