• I carabinieri hanno fermato una banda di tombaroli
  • Hanno prelevato dei reperti dall’area archeologica di Kamarina
  • Si tratta di 4 uomini che sono stati denunciati in Procura

Una banda composta da quattro persone è stata fermata nella notte tra sabato e domenica dai carabinieri di Santa Croce e Ragusa Ibla dopo che avevano saccheggiato alcuni reperti scavando abusivamente nell’area archeologica di Kamarina.

Il controllo

Durante un controllo, i militari hanno notato la presenza di un paio di auto parcheggiate poco distanti dal sito archeologico del VI secolo a.C. ed è sorto il sospetto che vi fossero dei tombaroli ed in effetti sono stati individuati  quattro uomini intenti a scavare e scandagliare il terreno con dei metal detector.

La trappola ed il bottino

I carabinieri, per evitare che potessero sfuggire, hanno cinturato la zona e quando i tombaroli sono risaliti sulle loro auto sono stati bloccati. La perquisizione ha permesso di rinvenire il bottino: monete antiche e dei piccoli utensili in metallo verosimilmente di epoca greca che sono stati sequestrati insieme agli strumenti da scavo e ai metal detector utilizzati per il rinvenimento del piccolo tesoro.

Denunciati

I quattro, residenti tra le province di Catania e Ragusa, di cui due con precedenti per ricettazione e altri scavi archeologici clandestini, sono stati denunciati e successivamente fotosegnalati nella caserma di Piazza Caduti di Nassirya.

L’ispezione a Karamarina

Nei giorni seguenti verranno effettuate ulteriori specifiche perizie sulla refurtiva in collaborazione con il Museo di Kamarina e la Sovrintendenza ai Beni Culturali di Ragusa per una datazione ed una stima del valore più precise dei reperti recuperati. “Il valore puramente economico della refurtiva recuperata non è particolarmente rilevante mentre invece di ben più elevata caratura sono i danni inflitti al contesto archeologico con la sistematica distruzione della stratigrafia del sito” spiegano dal comando provinciale dei carabinieri di Ragusa.