Sarebbe un ex militare della Guardia di finanza, 62 anni, originario di Messina ma residente da anni a Siracusa, il presunto responsabile del terribile incendio che ha distrutto ettari all’interno della Riserva naturale Saline.

L’uomo è stato arrestato dai carabinieri perché accusato di aver appiccato due incendi, in contrada Biggemi e in contrada Petraro ieri nel territorio di Priolo, nel Siracusano. I militari hanno individuato il 62enne in prossimità di uno dei roghi e lo hanno trasferito in carcere.

A causa di uno dei due roghi è stato necessario anche evacuare la spiaggia di Priolo a causa delle fiamme che sono giunte fino alla costa La riserva Saline di Priolo è andata completamente distrutta a causa del rogo e sono andati distrutti anche tutti i capannoni e tutte le piante all’interno dell’area protetta.

All’indomani del vasto incendio si contano i danni delle fiamme: in parte devastata la Riserva naturale Saline, salvati i fenicotteri e le altre specie che migrano nell’area. “La Riserva è distrutta – spiega Fabio Cilea, direttore della Riserva naturale Saline di Priolo – ma ora si ricomincia a lavorare con maggiore impegno”.