ancora nessun accordo con la regione su aperture festive e turni notturni

Lavoratori beni culturali in stato di agitazione, aperture musei e parchi archeologici a rischio

Scoppia la protesta dei lavoratori dei beni culturali in Sicilia. A pochi giorni da Ferragosto, il settore rischia la serrata dopo la fumata nera dall’incontro tra il direttore generale Franco Fazio e i sindacati, che adesso chiedono l’intervento dell’assessore regionale Alberto Samonà per scongiurare “azioni più forti a difesa dei lavoratori del settore”.

la nota del cobas codir

Lavoratori beni culturali sul piede di guerra, “Basta sfruttamento”, dopo le diffide partono i decreti ingiuntivi

Si legge in una nota del Cobas Codir: “Il mese scorso, i Legali del Sindacato hanno inviato al vertice dipartimentale di Via delle Croci 8, innumerevoli diffide nell’estremo tentativo di invitare l’amministrazione, ancora una volta, a remunerare quanto spettante a ciascun Lavoratore per le prestazioni rese dagli stessi nel 2020 in eccedenza del limite contrattuale del terzo dei festivi”.

#Videonotizie BlogPlay


+393774389137
Insicilia promo