“Non possiamo più stare zitti di fronte alle sparate di un ministro sempre più arrogante“.

Così il vescovo di Mazara del Vallo, Domenico Mogavero, dopo che Salvini ha esibito il rosario a un comizio attirando su di sé le critiche del mondo cattolico.

“Non possiamo più permettere – dice Mogavero – che ci si appropri dei segni sacri della nostra fede per smerciare le proprie vedute disumane, antistoriche e diametralmente opposte al messaggio evangelico. Chi è con lui non può dirsi cristiano perché ha rinnegato il comandamento dell’amore”.

Le dichiarazioni di Mogavero sono state rese durante la partecipazione all’assemblea dei vescovi italiani a Roma.

Sulla vicenda interviene anche il segretario di Stato Vaticano, il cardinale Pietro Parolin.
“Io credo che la politica partitica divida, – ha detto – Dio invece è di tutti. Invocare Dio per se stessi è sempre molto pericoloso”.

LEGGI ANCHE

Viminale ‘scavalcato’ nello sbarco della Sea Watch, l’ira di Salvini contro alleati e magistrati (VIDEO)

Sea Watch, Toninelli a Salvini: “Non ho aperto alcun porto, poteva farmi una telefonata”