Nei giorni scorsi i militari della Compagnia Carabinieri di Castelvetrano hanno effettuato numerosi servizi, finalizzati al controllo del territorio in genere e alla repressione di specifiche condotte delinquenziali, e – anche grazie al supporto di personale in forza allo Squadrone Eliportato Cacciatori di Sicilia – sono stati conseguiti vari risultati.

Il fine settimana appena trascorso, a Triscina, i militari del dipendente N.O.R.M.- Sezione Operativa – nel corso di servizio finalizzato al contrasto del traffico di sostanze stupefacenti – hanno arrestato Ndeneh Jatta, giovane 26enne nato in Gambia, disoccupato.

Il ragazzo veniva colto in flagranza di reato mentre cedeva a un castelvetranese di 24 anni una dose di sostanza stupefacente di tipo “hashish; quest’ultimo veniva segnalato alla Prefettura di Trapani quale assuntore. Nel medesimo contesto allo JATTA veniva anche trovata una sigaretta artigianale contenente “hashish”. L’arresto veniva convalidato dall’Autorità giudiziaria lilibetana.

Domenica 28 luglio, dopo un weekend di intensi controlli, i militari del dipendente Nucleo Operativo e Radiomobile denunciavano in stato di libertà alla competente autorità giudiziaria diversi soggetti:
• G.V., 38enne mazarese, perché – coinvolto in un sinistro stradale mentre si trovava alla guida della sua autovettura– a seguito di esami di laboratorio risultava positivo alla sostanza stupefacente del tipo “cocaina”;
• M.I.S., 39enne di Castelvetrano, incensurato, perché veniva trovato in via Cavallaro, privo di sensi e adagiato sul volante del proprio mezzo – fermo in mezzo alla carreggiata con il motore acceso – e, prontamente soccorso e fatto trasportare dal servizio 118 presso il locale nosocomio, risultava avere un tasso alcolemico superiore a quello consentito;
• L.M., 23enne di origini saccensi, perché controllato alla guida della propria autovettura, e sottoposto ad accertamento alcotest, risultava avere un tasso alcolemico superiore a quello consentito;
• C.M.A., 21enne castelvetranese, nota agli uffici giudiziari, poiché, sebbene sottoposta agli arresti domiciliari, veniva trovata in compagnia di pregiudicati;
• C.N.,castelvetranese 50enne, anch’egli noto alle forze dell’ordine, in quanto – benché sottoposto alla sorveglianza speciale di P.S. con obbligo di soggiorno nel comune di residenza e con patente di guida revocata – veniva sorpreso alla guida dell’autovettura, che veniva sottoposta a sequestro.

I suddetti reati/violazioni venivano accertati nell’ambito di un servizio straordinario di controllo del territorio, svolto d’iniziativa e finalizzato a rafforzare la presenza dell’Arma nel contrasto dell’illegalità diffusa. Nel corso di tale attività – eseguita con il supporto dei“Cacciatori” di Sicilia – i militari delle dipendenti stazioni di Marinella, denunciavano in stato di libertà C.G., 17enne castelvetranese, incensurato, perché controllato a piedi a Triscina, Piazza Quartana, si rifiutava di fornire le proprie generalità unitamente a un documento di riconoscimento.

A Gibellina è stato segnalato alla Prefettura R.P., 21enne del posto, incensurato, perché – sottoposto a perquisizione personale, veicolare e domiciliare – veniva trovato in possesso di g.3,3 di sostanza stupefacente del tipo marijuana;

Infine a Santa Ninfa, i carabinieri hanno segnalato alla Prefettura B.M., 37enne del posto, noto agli operanti, perché – sottoposto a perquisizione personale e domiciliare – veniva trovato in possesso di g.2,3 di sostanza stupefacente del tipo “hashish”.