I familiari di Loredana Guida, la giornalista e insegnante morta dopo avere contratto la malaria in Nigeria, hanno presentato un esposto alla Procura di Agrigento, per chiedere di fare luce su eventuali responsabilità e negligenze del personale sanitario.

I parenti della 44enne, assistiti dall’avvocato Daniela Posante, hanno formalizzato una denuncia rappresentando agli inquirenti la circostanza che Loredana si era presentata al pronto soccorso con la febbre alta e aveva fatto presente ai medici di essere stata in Africa.

La Procura di Agrigento ha, dunque, aperto un’inchiesta sulla morte, per malaria, della donna.

Il fascicolo è a carico di ignoti. Se ne sta occupando il pubblico ministero Elenia Manno. Il procuratore capo Luigi Patronaggio e l’aggiunto Salvatore Vella seguiranno però le indagini della sezione carabinieri.

La Procura sta già disponendo l’acquisizione delle cartelle cliniche in ospedale, al “San Giovanni di Dio” di Agrigento, e l’esame autoptico. Rinviati pertanto i funerali di Loredana che erano stati previsti per domani