• Gli operatori di Legambiente certificano la seconda nidificazione della stagione
  • La zona del nido di tartaruga Caretta Caretta è stata recintata e sarà protetta fino alla schiusa delle uova
  • Legambiente invita tutti, turisti, operatori balneari, comunità locale, a prendersi cura del nido

Nuova nidificazione di tartaruga Caretta Caratta a Lampedusa. Questa volta sulla spiaggia di Cala Pisana. Il personale della Riserva Naturale Isola di Lampedusa gestita da Legambiente Sicilia ha accertato la seconda nidificazione di questa specie di tartaruga della stagione 2021 per l’isola di Lampedusa.

Terminata la deposizione, gli operatori di Legambiente hanno provveduto a recintare e segnalare il nido, al fine di proteggerlo sino alla schiusa che avverrà tra circa 2 mesi.
Tali azioni rientrano nel programma di monitoraggio della riproduzione della tartaruga a Lampedusa svolto dalla Riserva Naturale regionale gestita da Legambiente, a tal fine autorizzata dal ministero della Transizione Ecologica.

Con un’ordinanza emanata dall’ufficio circondariale marittimo – guardia costiera di Lampedusa, l’area circostante il nido sarà sottoposta a tutela dai possibili impatti provocati dalla fruizione balneare (calpestio, ombrelloni, scavi, e così via).

Legambiente invita tutti, turisti, operatori balneari, comunità locale, a prendersi cura del nido, evitando di proiettare ombra in corrispondenza della camera delle uova e rispettando l’area recintata.

La settimana scorsa la prima nidificazione della stagione

Questa nuova nidificazione arriva a pochi giorni di distanza dalla prima avvenuta a Cala Croce. In quell’occasione, la femmina di tartaruga è risalita sulla spiaggia intorno alla mezzanotte tra l’8 ed il 9 luglio scorsi ed ha deposto le sue uova. Anche in questo caso, gli operatori di Legambiente hanno provveduto a recintare e segnalare il nido per proteggerlo eliminando anche alcune postazioni di ombrelloni d’intesa con il gestore dell’area balneare al cui interno ricade il nido.