I carabinieri della sezione radiomobile di Gela hanno arrestato in flagranza di reato Angelo Iapichello, 58 anni,operaio di una ditta dell’indotto ENI, per furto aggravato e ricettazione.

Al termine del proprio turno di lavoro stava lasciando la raffineria, quando, gli addetti alla sicurezza hanno chiamato il 112, insospettiti dall’atteggiamento dell’uomo.

I carabinieri gli hanno trovato in auto un grosso quantitativo di materiale utilizzato nell’impianto: 180 manicotti di ottone per un valore complessivo di 6mila Euro. Nell’abitazione, poi, sono stati trovati centinaia di utensili da lavoro (punte da trapano, chiavi, cannelli per fiamma ossidrica).