I militari del Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Catania, nell’ambito del piano di interventi “Scuole Sicure” coordinato dalla Prefettura etnea e finalizzato a prevenire e contrastare lo spaccio e la cessione ai minori di sostanze stupefacenti, hanno arrestato uno studente dell’Istituto tecnico industriale “Cucuzza – Euclide” di Caltagirone che si stava recando in classe con gr.60 di hashish e gr.30 di marijuana.

In particolare, nel corso dei controlli antidroga effettuati all’esterno dell’istituto scolastico dai militari della Compagnia di Caltagirone con l’ausilio di una unità cinofila della Compagnia Pronto Impiego di Catania, il cane antidroga segnalava la presenza di stupefacente sul ragazzo, il quale, insieme ad altri, era sceso da uno scuolabus e si accingeva ad entrare a scuola.

Il minorenne, incensurato e dell’età di 17 anni, alla vista dei militari manifestava subito chiari segni di agitazione e, una volta fermato per il controllo, a richiesta dei Finanzieri estraeva dallo zaino e consegnava spontaneamente un sacchetto con all’interno 60 grammi di hashish.

La più approfondita perquisizione consentiva di rinvenire all’interno dello zaino un altro involucro contenente ulteriori 30 grammi di marijuana nonché un bilancino elettronico di precisione di quelli utilizzati per pesare la droga per poi suddividerla in dosi.

Le Fiamme Gialle calatine effettuavano quindi un’immediata perquisizione presso l’abitazione del giovane, sita in Grammichele (CT), rinvenendo due dosi di marijuana e dei semi di cannabis.

All’esito dell’attività, su disposizione della Procura della Repubblica presso il Tribunale per i Minorenni di Catania, il giovane è stato arrestato per il reato di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti, aggravato dall’essersi consumato in prossimità di un edificio scolastico, e accompagnato presso l’Istituto Penale per i Minorenni di Catania “Bicocca”.

LEGGI ANCHE

Cani antidroga a sorpresa nei licei siciliani, polemiche a Palermo