Polemiche dopo alcune voci che in questi giorni circolano ad Acireale (Ct) secondo cui durante la festa di San Sebastiano del prossimo 20 gennaio, sarebbe prevista una fermata della statua con tanto di esibizione di un cantante neomelodico.  Secondo altre voci, invece, l’esibizione sarebbe stata pianificata per festeggiare l’uscita dal carcere di una persona vicina ad ambienti criminali.

Ora la possibilità che il cantante neomelodico Gianni Vezzosi possa esibirsi con un’Ave Maria in una pausa della processione di San Sebastiano ad Acireale del prossimo 20 gennaio è da più di una settimana all’attenzione della Prefettura di Catania.

Un Comitato provinciale per l’ordine e la sicurezza pubblica sul tema, convocato dal prefetto Claudio Sammartino, si terrà oggi a mezzogiorno a Palazzo del Governo. Sulla vicenda la Diocesi di Acireale, la Basilica San Sebastiano ed il Comitato festeggiamenti, in una nota congiunta, sottolineano di “essere totalmente estranei alle voci circolate negli ultimi giorni che vorrebbero una sosta programmata del fercolo dinanzi ad una esibizione di musica neomelodica”. “La presente Diocesi, la Basilica ed il Comitato – chiosa il comunicato – non avallano alcuna iniziativa similare ed autorizzano, altresì, tutte le altre soste tradizionali e di natura tecnica”.