Prenderanno servizio domani, all’Asp di Catania, 17 nuovi infermieri reclutati dall’Asp di Catania. Si tratta di assunzioni che fanno parte delle 211 nuove risorse professionali decise dall’azienda, fra dirigenti medici e operatori sanitari.

Lo scorso mese, all’Asp di Catania sono stati assunti a tempo indeterminato 4 dirigenti medici, 13 infermieri professionali, 2 tecnici di laboratorio, 2 tecnici di radiologia, 1 fisioterapista e 1 operatore socio sanitario.

Utilizzando la graduatoria di bacino, capofila l’A.O. “Cannizzaro”, sono inoltre in programma le assunzioni  di 20 infermieri e 70 infermieri.  Con la procedura di concorso di mobilità per il bacino Sicilia orientale, con capofila l’Asp di Catania, secondo la programmazione dell’Assessorato regionale alla salute, guidato da Ruggero Razza, saranno, invece, coperti 118 posti di infermieri e 136 posti di operatori socio sanitario. Le domande di partecipazione al concorso di mobilità potranno essere inoltrate, entro il 4 novembre 2019,  esclusivamente on line, tramite il sito del’Asp catanese.

“Immettiamo nuova linfa nei nostri presidi con l’obiettivo di dare stabilità e ancora maggiore qualità ai servizi – ha detto il manager Maurizio Lanza, rivolgendo il saluto di benvenuto ai nuovi assunti -. Non vi accontentate, ma sentitevi protagonisti della possibilità di miglioramento e di cambiamento dell’assistenza infermieristica in Azienda. Al centro del vostro lavoro ci sia sempre il malato. In questo modo rafforzerete il vostro rapporto con i cittadini”.

Alla firma dei contratti dei 17 nuovi infermieri erano presenti il direttore amministrativo e il direttore sanitario dell’Azienda sanitaria, rispettivamente Giuseppe Di Bella e Antonino Rapisarda, il direttore dell’UOC Risorse umane, Santo Messina, la dirigente responsabile dell’UOS Gestione giuridica del personale, Daniela Spampinato e la dirigente amministrativa dell’Ufficio Reclutamento risorse umane, Fabrizia Tiralongo.

“Gli Uffici stanno svolgendo un ottimo lavoro nel reclutamento del personale, per sopperire alle carenze che si sono registrate nel tempo – ha aggiunto il direttore amministrativo -. Abbiamo puntato sull’innovazione e sull’informatizzazione delle procedure per garantire trasparenza e tempestività. L’impegno profuso è caratterizzato da un buon lavoro di gruppo, da una efficace intesa fra i dipendenti e da una autorevole e competente guida dell’UOC Risorse Umane che ha garantito il conseguimento degli obiettivi”.