I consultori familiari di Catania scendono in piazza per sensibilizzare i cittadini alla cultura della prevenzione oncologica in 4 stand in Via Etnea, in Piazza Dante Alighieri, in Piazza Nettuno e in Piazza Verga.

L’iniziativa, organizzata dall’UOC Coordinamento Territoriale materno-infantile, diretta da Sandro Sammartino, ha lo scopo di promuovere l’adesione agli screening oncologici per donne dai 25 ai 64 anni per lo screening ginecologico, donne dai 50 ai 69 anni per lo screening mammografico e uomini e donne dai 5 ai 70 anni per lo screening del tumore del colon retto.

Negli stand, medici, psicologi e operatori, illustreranno ai cittadini le modalità di adesione alla campagna di prevenzione oncologica “Screening? Sìcuro” dell’Asp di Catania e i test che vengono eseguiti, forniranno consigli utili sugli stili di vita salutari e daranno le informazioni necessarie su fattori di rischio e diagnosi. In particolare sarà presentato il test primario per HPV che dal mese di ottobre è adottato, presso tutti i Consultori familiari della provincia, per la diagnosi precoce del tumore del collo dell’utero.

Ogni anno sono circa 300.000 gli inviti a partecipare agli screening oncologici che l’Asp di Catania spedisce a casa delle famiglie residenti sul territorio provinciale. Sono numeri importanti che raccontano un’intensa attività organizzativa e l’impegno nella promozione della prevenzione oncologica.

Nel corso del 2018 sono stati eseguiti 14.000 esami per la diagnosi precoce del tumore mammario, 10.000 test per il tumore del colon retto; 23.000 esami per lo screening del cancro del collo dell’utero. Dati che fanno registrare la costante attenzione dell’opinione pubblica su questo servizio e sulle opportunità della prevenzione e che hanno fatto rilevare un forte incremento nel corso dell’anno 2019, grazie anche alla spinta propulsiva dell’Assessorato Regionale alla Salute e del DASOE.

Molto apprezzato dagli utenti è il numero verde gratuito 800.894.007, esclusivamente dedicato ai programmi di screening (attivo dal lunedì al venerdì dalle ore 8.30 alle ore 13.00, e il lunedì pomeriggio dalle ore 15.00 alle ore 17.30). Nel 2018 sono state circa 38.000 le telefonate gestite dagli operatori. Solo nel primo semestre del 2019 sono state circa 22.000.