Assolto perché il fatto non sussiste. Questa la decisione, con ordinanza nella procedura di esecuzione, del presidente del Tribunale di Catania che ha assolto Raffaele Lombardo, in qualità di ex presidente della Provincia, nel processo avviato per l’affidamento “in house” del servizio di pulizia dell’aeroporto alla Pubbliservizi della Provincia e per il quale nel 2015 era scattata la prescrizione.

Il Tribunale ha accolto l’istanza di parte procedendo, in presenza dei presupposti, all’applicazione estensiva della sentenza emessa dalla Sesta sezione penale della Corte di Cassazione che, a sua volta, ha disposto l’assoluzione, perché il fatto non sussiste, di Stefano Ridolfo e Sebastiano Paladino, rispettivamente presidente e consigliere pro tempore della Sac, che, su ricorso dell’ex presidente della Regione, ha fatto scattare la revoca della sentenza di prescrizione e l’assoluzione di Raffaele Lombardo.

L’ordinanza è stata depositata in cancelleria il 16 aprile. Analoghe richieste di procedura di esecuzione sono state presentate, con istanze separate, anche da Michel Sineri, Giuseppe Gitto, Alfio D’Urso e Giacomo Blasi.

(Ansa)