I Carabinieri della Stazione di San Michele di Ganzaria hanno denunciato un pregiudicato di 41 anni ed il complice 68enne, entrambi del posto, poiché ritenuti responsabili del concorso in furto aggravato.

I militari, alla prime luci dell’alba, nel corso di un servizio finalizzato ad arginare il fenomeno dei furti nelle aree rurali della provincia etnea, hanno bloccato sulla SS 124 una Fiat Panda carica di legname guidata dal 68enne.

Gli immediati approfondimenti investigativi hanno consentito di appurare come il fermato, durante la notte, insieme al 41enne, aveva letteralmente diboscato mediante l’uso di motoseghe un fondo in parte di proprietà demaniale ubicato in contrada Cimia, all’interno del quale aveva abbattuto numerosi alberi di eucalipto per ricavare dei tronchi di legno, oltre 1.300 kg, pronti ad essere rivenduti al mercato nero.

Il legname, la motosega e l’autovettura sono stati sequestrati, mentre si stanno quantificando i danni arrecati all’ecosistema grazie anche al supporto del Corpo Forestale della Regione Sicilia.