La gestione degli impianti idrici e fognari dell’agglomerato industriale di Dittaino ad Enna sarà gestita dalla AcquaEnna. Si tratta del secondo impianto di distribuzione delle acque potabili e della depurazione delle acque reflue in Sicilia. Entro sei mesi si procederà alla consegna definitiva dell’impianto integrato.

La gestione e la manutenzione ordinaria e straordinaria di tutte le opere idriche, depurative e fognarie acque nere e miste, inerenti la zona industriale di Dittaino, in base alla convenzione stipulata dalle parti sarà affidata a ad AcquaEnna. Il trasferimento è in linea con la normativa relativa alla concessione d’uso degli impianti di acquedotto, fognatura e depurazione.

L’impianto comprende complessivamente due depuratori del tipo “a fanghi attivi”, 55 km di condotta idrica, 3 serbatoi e 2 impianti di sollevamento per le acque reflue fognarie, nonché un collettore fognario e una rete di raccolta acque nere avente una lunghezza complessiva di m. 8.300 con diametro mm. 300. Questo passaggio permetterà al Comune di Valguarnera di servirsi del servizio di depurazione fino ad ora mancante.

L’impianto di depurazione nell’Area industriale di Dittaino pronto per funzionare è del tipo a “fanghi attivi”, con sedimentazione primaria e vasca di denitrificazione, ed è stato consegnato un ulteriore impianto di depurazione della stessa tipologia, mai entrato in funzione, del tipo a “fanghi attivi”.

Il passaggio formale è avvenuto con atto notarile alla cui firma hanno partecipato Carmelo Viavattene, commissario liquidatore Asi Enna, Alloro Mario, in rappresentanza dell’IRSAP, Istituto Regionale per lo Sviluppo delle Attività Produttive, Franz Bruno nella qualità di presidente della Società AcquaEnna S.C.p.A., in rappresentanza della medesima Società, e Guarino Ferdinando, commissario straordinario e liquidatore del Consorzio A.T.O. n. 5 Enna in liquidazione.