I carabinieri di Sant’Agata di Militello e Barcellona Pozzo di Gotto, in provincia di Messina, hanno arrestato quattro persone destinatarie degli ordini di carcerazione emessi dalla Procura Generale della Repubblica presso la Corte di Appello di Messina in seguito a delle condanne riportate con sentenza definitiva dell’operazione Triade che nel luglio 2016 portò a 21 persone arrestate accusate, a vario titolo, di traffico illecito di sostanze stupefacenti, porto e detenzione illegale di armi da fuoco e cessione di banconote falsificate.

I carabinieri della Stazione di Tortorici (ME) hanno rintracciato ed arrestato il 45enne Massaro Galati di 45 anni, condannato a 10 anni e 11 mesi di reclusione, Antonio Musarra Pecorabianca, di 26 anni, che deve scontare una pena di 6 anni e 10 mesi ed il 37 enne Antonino Costanzo Zammataro condannato a 4 anni 5 mesi. I militari di Barcellona Pozzo di Gotto hanno invece portato in carcere Giuseppe Aricò,  di 44 anni, condannato a 8 anni. I quattro arrestati sono stati trasferiti alla Casa Circondariale “Vittorio Madia” di Barcellona.

Gli ordini di carcerazione si riferiscono alle condanne divenute definitive al termine del procedimento a carico di 10 degli indagati dell’operazione Triade. L’indagine era stata avviata nel 2013 e, nel luglio del 2016, era stata eseguita un’ordinanza di custodia cautelare a carico di 21 indagati che aveva permesso di disarticolare l’organizzazione criminale attiva nel centro mamertino e nei territori di Tortorici (ME) e Barcellona Pozzo di Gotto (ME), dedita al traffico di sostanze stupefacenti.