Dramma a Sassari, in Sardegna.

Una 14enne è deceduta nel reparto di rianimazione dell’ospedale civile della città sarda per una meningoencefalite batterica, non meningococcica. Come riportato dai giornali locali, la giovane è stata ricoverata domenica 9 dicembre e le sue condizioni si sono aggravate nei giorni scorsi sino alla morte, avvenuta ieri sera, 1 gennaio.

La 14enne è stata colpita da una forma di meningite non riconducibile ad un virus, pertanto non contagiosa. Di conseguenza le autorità sanitarie non hanno attivato i protocolli di profilassi. Si è appreso che la giovane si era sentita male due giorni prima del 31 dicembre ma si era pensato a una normale febbre.

Un altro decesso è avvenuto nel giorno di San Silvestro a Genova: una donna di 36 anni si è spenta a causa di una sospetta sepsi – meningite da meningococco. La morte è avvenuta al Policlinico San Martino del capoluogo ligure e, in questo caso, è stata necessaria la profilassi antibiotica.

Come riportato su SaluteLab.it, i primi sintomi della meningite possono sembrare simili a quelli influenzali: febbre alta improvvisa, torcicollo, forte mal di testa diverso dal normale, nausea e vomito, confusione, convulsioni, sensibilità alla luce, nessun appetito e nessuna sete, eruzioni cutanee.

Bisogna chiedere assistenza medica urgente in caso di febbre, mal di testa grave, confusione, vomito e torcicollo. La meningite batterica è grave e può essere mortale nel giro di pochi giorni senza un tempestivo trattamento antibiotico.