Ne ha parlato anche il DailyMail di Alma Clara Corsini, la donna di 95 anni a cui è stato diagnosticato il coronavirus ma è poi guarita, diventando così la paziente più anziana della provincia di Modena a riprendersi dall’infezione.

La 95enne, originaria di Fanano, era stata trasferita d’urgenza il 5 marzo scorso all’ospedale di Pavullo dopo avere manifestato i sintomi del Covid-19. Nonostante l’età, però, l’organismo della donna ha reagito alla grande alla malattia, riprendendosi.

Corsini alla Gazzetta di Modena ha dichiarato: «Ma sì ma sì, sto benino dai. Sono stati bravi che mi hanno curato bene, e adesso tra un po’ mi mandano a casa». E così è stato. Il personale sanitario dell’ospedale ha spiegato che la donna è stata in grado di guarire senza la somministrazione della «terapia antivirale», ovvero dei farmaci che hanno lo scopo di contrastare un’infezione virale. Naturalmente, la guarigione della donna ha rappresentato un momento d’orgoglio per lo staff, un barlume di speranza in una lotta incessante e drammatica contro il coronavirus.

Sempre il DailyMail ha parlato della guarigione di un 79enne, un ligure, grazie al remdesivir, farmaco antivirale pensato e testato per combattere l’ebola, dopo 12 giorni di ricovero in ospedale. Lo stesso farmaco ha dato buoni risultati anche in una donna degli Stati Uniti d’America a cui è stata diagnosticata l’infezione il 26 febbraio e in 14 americani che sono risultati positivi dopo avere viaggiato a bordo della nave da crociera Diamond Princess che, per alcuni giorni, è stata ancorata al largo di Yokohama, in Giappone.