In Austria un uomo ha mummificato la madre di 89 anni, morta più di un anno fa per cause naturali, in modo che potesse continuare a ricevere la pensione. Il cadavere della donna è stato scoperto dalla polizia nella cantina del figlio.

L’uomo, 66 anni, ha usato impacchi di ghiaccio per congelare il corpo della madre ed evitare gli odori della decomposizione, avvengolendola in bende per assorbire qualsiasi fluido corporeo.

Helmut Gufler, responsabile dell’unità antifrode della polizia della sicurezza sociale, all’emittente ORF ha raccontato: “Quando ha finito tutte queste cose, ha coperto la madre con una lettiera per gatti e il cadavere è stato poi mummificato”.

L’uomo ha anche mentito al fratello che, un giorno, è andato a casa per far visita alla madre ma il 66enne gli ha detto che si trovava in ospedale. Poi, il secondo figlio ha deciso di non andarci più perché pensava che, a causa della demenza, non lo avrebbe più riconosciuto.

Il corpo della 89enne è stato conservato nel seminterrato della casa che condivideva con il figlio vicino a Innsbruck, in Tirolo.

L’uomo così ha ricevuto la pensione e l’assegno di sostegno per le cure della madre ogni mese per posta. Di recente, però, un postino ha chiesto di vedere la donna. Il 66enne si è rifiutato e così è stato segnalato alle autorità che sabato scorso hanno scoperto il fatto.

L’uomo, quindi, è stato accusato di frode (dal valore di 50mila euro) e di occultamento di cadavere. L’accusato ha, comunque, rivelato alla polizia che presto avrebbe comunicato il decesso della madre…