In Russia, in un reparto COVID-19 per soli uomini, un’infermiera è stata richiamata per avere deciso di indossare il bikini (e nient’altro) sotto il suo abito protettito trasparente.

Come riportato sul Daily Mail, la foto della donna, finita sui social media, ha fatto in poco tempo il giro del mondo, scattata da un paziente nell’ospedale di Tula, a 160 chilometri a sud di Mosca, rimarcando, però, che nessun paziente si è lamentato. Tuttavia, i dirigenti dell’ospedale hanno punito l’infermiera per la «non conformità ai requisiti per l’abbigliamento medico».

L’infermiera, di cui non è stato diffuso il nome, ha 20 anni e avrebbe detto di avere scelto quella mise perché faceva «troppo caldo», inoltre ha affermato che non si era resa conto che il DPI indossato durante il trattamento dei pazienti era così trasparente.

Nonostante il tentativo di discolparsi, il ministero della sanità regionale ha riferito che «è stata applicata una sanzione disciplinare all’infermiera del dipartimento per le malattie infettive che ha violato i requisiti (uniformi)».

L'ospedale di tula

L’ospedale di Tula.

LEGGI ANCHE: Riabbraccia i genitori dopo essere stato rapito 32 anni fa.

L’infermiera, comunque, non ha parlato pubblicamente dell’incidente, mentre un paziente ha raccontato che nessuno del reparto ha obiettato su di lei. Anzi, un lettore del Tula News si è congratulato con l’infermiera: «Almeno qualcuno ha un senso dell’umorismo in questa triste e cupa realtà».

Un altro ha affermato: «Tutti le hanno inveito addosso ma nessuno ha prestato attenzione al fatto che fosse vestita in quel modo a causa del caldo. Forse dovreste urlare alla direzione perché non c’è l’aria condizionata». Una lettrice ha commentato così: «Ben fatto, ha sollevato l’umore dei pazienti». E c’è stato anche chi ha scritto: «L’infermiera non va punita ma premiata. Vedendola, nessuno vuole morire».

In Russia, intanto, sono stati registrati 8.849 casi di coronavirus nelle ultime 24 ore, per un totale di 317.554 infezioni in tutto il Paese, con un aumento del 2,9%, secondo le autorità russe. A Mosca, zona più colpita dalla pandemia, sono stati registrati 2.913 contagi. Si contano anche 129 morti rispetto a ieri, per un totale di 3.099 decessi.