Forse è presto, per parlare di crisi superata, di “risurrezione”,  per il tennista palermitano Marco Cecchinato, ma i segnali ci sono tutti: a Stettino ha vinto due match di fila, qualificandosi ai quarti di finale del torneo dotato di un montepremi da 137.000 euro.

Dopo aver sconfitto al secondo turno il francese Manuel Guinard numero 307 al mondo in un’ora e venti minuti di gioco, sfruttando soprattutto il servizio ed anche agli errori di un avversario di livello nettamente inferiore,
Cecchinato, numero 66 al mondo e seconda testa di serie, ha sconfitto oggi l russo Alexej Vatutin col punteggio di 63 63 in un’ora e venti minuti di gioco.
Un doppio successo che è una liberazione, dopo un lungo periodo di sconfitte e delusioni, che hanno fatto perdere al ventiseienne palermitano ben cinquanta posizioni nella classifica mondiale. Eloquente, l’esultanza di Cecchinato dopo il successo su Guinard, due urla al cielo che sapevano tanto di liberazione da un peso.
Venerdì 12 settembre ai quarti di finale troverà sulla propria strada il giapponese Taro Daniel, 26 anni e numero 137 al mondo.