L’Europeo di calcio, il primo itinerante, previsto per quest’estate, è stato spostato al 2021. Lo ha deciso l’UEFA dopo un incontro con le varie federazioni a causa dell’aggravarsi dell’emergenza coronavirus e per dare la possibilità ai vari Paesi europei di avere più temppo per terminare i rispettivi campionati.

La decisione è stata confermata dalla Federazione norvegese sul proprio sito ufficiale, dove si leggono anche le date d’inizio e di fine della competizione: 11 giugno – 11 luglio. Il torneo si sarebbe dovuto svolgere dal 12 giugno al 12 luglio  e in 12 Paesi, tra cui l’Italia con Roma. L’annuncio, comunque, non è ancora ufficiale.

Intanto, anche il campionato russo ha deciso di fermarsi fino al 10 aprile. Non solo la massima serie ma anche tutte le altre fino ad arrivare ai campionati minori. Al momento sono state disputate 22 partite e in testa alla classifica c’è lo Zenit San Pietroburgo con nove punti di vantaggio su Krasnodar e Lokomotivi Mosca.

Oggi, infine, è l’81esimo compleanno di Giovanni Trappattoni che su Twitter ha ringraziato chi gli ha inviato gli auguri: «Vivere in isolamento non è facile, ma abbiamo il dovere di aiutare coloro che stanno lavorando duramente per contenere l’emergenza, limitando quei comportamenti che potrebbero peggiorare la situazione. E cercate di rimanere in forma perché non dovremmo dimenticare che oggigiorno gli stili di vita scorretti uccidono molte più persone del virus. Oggi festeggerò a casa, insieme a mia moglie Paola. Saremo in contatto con la mia famiglia con le videochiamate. Sarà un compleanno insolito ma avremo modo di festeggiare insieme quando tutto questo sarà finito. #andrà tuttobene».